Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2018
Immagine
GIORNATA DELLA MEMORIA 2018 In questi giorni, la società si interroga: “ Cosa accadrà quando non ci saranno più i testimoni, quando anche l’ultimo sopravvissuto sarà sepolto da qualche parte? I più giovani di loro, i rarissimi bambini usciti vivi dal lager, hanno abbondantemente superato gli ottanta. Il tempo vola". afferma la giornalista Francesca Paci, lanciandoci, però, un messaggio di speranza e di militanza: "A un certo punto il compito di tramandare la memoria toccherà a noi, a chi ha avuto il privilegio di ascoltare le loro voci". Commemoriamo il Giorno della Memoria con una toccante poesia di Paul Celan, Fuga di morte , in cui sentiamo emergere vivo il parallelismo tra la bionda figura tedesca di Margarete, l'eroina della letteratura tedesca, alla cui poesia il soldato nazista si dedica (ne sentiamo la contraddizione!) la sera, e Sulamith dai capelli di cenere, simbolo di tutte le ragazze morte nei campi di sterminio: Nella casa abita un uomo
Immagine
#Open day 11 gennaio 2018:  finalmente la nostra presentazione è online!  Se volete approfondirne i contenuti, rivedere le slide più interessanti, gustare con calma i video proiettati durante la giornata di scuola aperta dell'11 gennaio, questa è l'occasione per farlo. Potete visualizzarla cliccando sul seguente link: https://drive.google.com/file/d/1E4DVJ946Os6_vzxtDYG4aVTz3WPhWgpr/view?usp=sharing Buona visione! Il team Guinizelli
Immagine
#ARTE LAB POMERIGGI ALTERNATIVI.  PAROLA D'ORDINE: CREATIVITA'! Nelle giornate di giovedì 14 e sabato 16 dicembre si sono svolti, tra le diverse attività proposte dall'équipe docenti della Guinizelli, i laboratori di arte e immagine con l'ottima collaborazione di alcuni studenti delle classi terze. Il primo laboratorio consisteva in uno studio di impaginazione e lettering con la realizzazione di un biglietto di auguri a tema natalizio, tramite la tecnica del papier collé, mentre il secondo è stato strutturato attorno alle tipiche decorazioni di Gustav Klimt, con la realizzazione di un segnalibro in stile liberty-secessionista, tramite la tecnica delle tempere classiche, glitterate, iridescenti.  Gli alunni partecipanti hanno dimostrato interesse e coinvolgimento, producendo elaborati molto accattivanti!        
Immagine
Anno 2017-2018 Concerto di Natale 2017 Con le parole della poesia Annunciazione (Le parole dell'Angelo) di Rilke accompagniamo le immagini del saggio di Natale di sabato 23 e di mercoledì 20 dicembre. Tu non sei piú vicina a Dio di noi; siamo lontani tutti. Ma tu hai stupende benedette le mani. Nascono chiare a te dal manto, luminoso contorno: io sono la rugiada, il giorno, ma tu, tu sei la pianta. Sono stanco ora, la strada è lunga, perdonami, ho scordato quello che il Grande alto sul sole e sul trono gemmato, manda a te, meditante (mi ha vinto la vertigine). Vedi: io sono l’origine, ma tu, tu sei la pianta. Ho steso ora le ali, sono nella casa modesta immenso; quasi manca lo spazio alla mia grande veste. Pur non mai fosti tanto sola, vedi: appena mi senti; nel bosco io sono un mite vento, ma tu, tu sei la pianta. Gli angeli tutti sono presi da un nuovo turbamento: certo
Immagine
SPERIMENTIAMO CON LA LUCE esperimenti scientifici nella classe 3^B -  ESPERIMENTO N.1:  LA TRAIETTORIA DELLA LUCE La luce segue un percorso rettilineo. Essa è visibile solamente quando è presente del pulviscolo: in questo caso  è stata sollevata della polvere di gesso. - ESPERIMENTO N.2: LA RIFLESSIONE DELLA LUCE   MATERIALE Un puntatore laser, un foglio bianco, un foglio con la fotocopia di un goniometro, goniometro, matita, uno specchio, un cubo di legno, del nastro adesivo. ESECUZIONE Abbiamo lavorato nell’aula semioscurata. Abbiamo eseguito le seguenti sequenze operative: 1. fissato lo specchio ad una faccia del cubo; 2. tracciato sul foglio bianco due segmenti tra loro perpendicolari; 3. appoggiato lo specchio su un segmento tracciato, definendo l’altro segmento   perpendicolare come   “normale”; 4. disegnato un segmento con inclinazione a piacere, partendo dall’intersezione dei due segmenti perpendicolari, denominandolo “raggio in